Napoleone Bonaparte


Napoleone Bonaparte

(Ajaccio, 15 agosto 1769[1] – Isola di Sant’Elena, 5 maggio 1821) fu un politico e militare francese, nonché fondatore del Primo Impero francese. Ufficiale d’artiglieria e quindi generale durante la rivoluzione, governò la Francia a partire dal 1799: fu Primo Console dal novembre 1799 al maggio 1804 e Imperatore dei francesi, con il nome di Napoleone I (Napoléon Ier), dal dicembre 1804 al 14 aprile 1814 e nuovamente dal 20 marzo al 22 giugno 1815. Fu anche presidente della Repubblica Italiana dal 1802 al 1805 e re d’Italia dal 1805 al 1814, «mediatore» della Repubblica Elvetica dal 1803 al 1813 e «protettore» della Confederazione del Reno dal 1806 al 1813.

Grazie a una serie di brillanti campagne militari e alleanze, conquistò e governò larga parte dell’Europa continentale, esportando gli ideali rivoluzionari di rinnovamento sociale e arrivando a controllare numerosi Regni europei tramite i membri della sua famiglia (Spagna, Napoli, Westfalia e Olanda). La sua riforma del sistema giuridico (Codice Napoleonico) introdusse chiarezza e semplicità delle norme e pose le basi per la moderna giurisdizione civile.

La disastrosa Campagna di Russia (1812) segnò la fine del suo dominio sull’Europa. Sconfitto a Lipsia dagli alleati europei nell’ottobre del 1813, Napoleone abdicò il 14 aprile 1814 e fu esiliato all’Isola d’Elba.

Nel marzo del 1815, abbandonata furtivamente l’Elba, sbarcò vicino ad Antibes e rientrò a Parigi «senza sparare un sol colpo», riconquistando il potere per il periodo detto dei Cento Giorni, finché non venne definitivamente sconfitto a Waterloo dalla settima coalizione, il 18 giugno 1815. Trascorse gli ultimi anni di vita in esilio all’isola di Sant’Elena, sotto il controllo degli inglesi. Dopo la sua caduta, il Congresso di Vienna ristabilì in Europa i vecchi Regni pre-napoleonici (Restaurazione).

Fu il primo regnante della dinastia dei Bonaparte. Sposò Giuseppina di Beauharnais nel 1796, e in seconde nozze l’arciduchessa Maria Luisa d’Austria, l’11 febbraio 1810, dalla quale ebbe l’unico figlio legittimo, Napoleone Francesco, detto il re di Roma (1811-1832).

La sua figura ha ispirato artisti, letterati, musicisti, politici e storici, dall’ottocento sino ai giorni nostri.


© Edizioni dell'Altana - P.IVA 04830841005