Il teatro della memoria

Pagine 300
Lire 35.000


Un grande critico, Giacinto Spagnoletti, protagonista e testimone ad un tempo delle più significative esperienze letterarie del Novecento, affida al Teatro della memoria le pagine inedite d’un affascinante itinerario umano e intellettuale.

"È singolare come io abbia cominciato questo taccuino di riflessioni" - scrive l’autore - "non solo di oggi ma anche di ieri (e talvolta si arriva a quarant’anni fa), con degli appunti sulla vecchiaia, quest’arte di essere e insieme di ricordare, di solitudine ma anche del desiderio di riunirsi agli altri". Questo libro è dunque un’autobiografia intellettuale che, nel meditare sugli avvenimenti più recenti, diventa un invito a rileggere alcuni eventi del passato in modo tutto proprio, spesso con ironia.

Si incontrano in queste pagine personaggi come Pavese, Calvino, Barilli, Alvaro, Morselli, e molti altri ancora. Accanto a questi ritratti si troveranno inoltre approfondimenti su argomenti vasti e complessi della società attuale e della scrittura di ieri e di oggi: il rapporto fra psicanalisi e letteratura, divagazioni sulla satira, un’indagine sulla condizione femminile, eccetera.

Teatro della memoria che va di pari passo con molte e acute "riflessioni agrodolci" su questa incombente fine-secolo.


© Edizioni dell'Altana - P.IVA 04830841005