Forse una vita

Prefazione e disegni di Ruggero Savinio

Pagine 160
Euro 12,91


AVVERTENZA EDITORIALE. Questo è un prodotto da usare con prudenza. Cos’è, un medicinale? Non è un medicinale. Un veleno? Nemmeno. È molto peggio. È un libro di poesia. Di quella vera. Di quella, cioè, che i pensieri non li scaccia ma li fa venire. Vizio antico di quegli autori (Ovidio & C.) che hanno sempre indotto le persone sensate a frequentarli con dovuta cautela. Sono personaggi a rischio. Ti coinvolgono nei fatti loro (spasimi e tormenti per le tante Beatrici, Laure o Dame Brune), caricandoceli addosso quasi fossero i nostri. Proprio come fa Lusignoli con questo "Forse una vita". In modo tanto più insidioso in quanto per ricondurci al desueto esercizio di guardarci dentro, non ricorre a patetici richiami ma a semplici parole ingannatrici. Sono foglie deposte sul sentiero che a camminarci sopra ti ritrovi all’improvviso nello sprofondo della trappola nascosta, al cospetto non della "sua" ma della "tua" memoria. Un accenno a una strada, a un luogo vissuto, a un amore smarrito, a un cane fedele, a un paese perduto (raramente l’Italia ebbe più nudo e dolente rimpianto), e quando stai per adagiarti tranquillo nella moderna suggestione dei versi, eccoti inconsapevolmente travolto, frullato, amalgamato al resto come avviene al rosso delle uova quando si fa la maionese in casa. E ti accorgi, e non ti sembra neanche strano, che la tortora di Praga evocata alla fine di questo libro, somiglia tanto - ma proprio tanto, prodigiosamente - a un passero solitario.


© Edizioni dell'Altana - P.IVA 04830841005